Il Consiglio Generale di Brescia, udita la petizione di Leonardus, Cesar e Franciscus de Martinengo che reclamavano l'immunità dei loro beni, ordina che i loro privilegi siano esaminati  da Nicolaus de Pedrochis, Martinus de Cocalio, Bartolomeus de Porcellaghis, e Iacobus de Saiano giudici, e da Iacobus de Cocalio e Antonius de Manerva sindaci del comune, i quali, esaminati i documenti della compravendita di beni "de Urado ultra flumen Olei versus Brixiam", della donazione "inter vivos" dei beni "de Oriano", di Motella, Castelletto, Padernello e Quinzano, e dei privilegi ivi e  in Pedergnaga, delle acquisizioni dei dazi sulle carni, il vino e il pane negli stessi luoghi, nonché i privilegi concessi da Pandolfo Malatesta, li confermano nei loro privilegi. Seguono ulteriori richiami alla documentazione dei diritti della famiglia
0 0 0
Materiale linguistico antico

Il Consiglio Generale di Brescia, udita la petizione di Leonardus, Cesar e Franciscus de Martinengo che reclamavano l'immunità dei loro beni, ordina che i loro privilegi siano esaminati da Nicolaus de Pedrochis, Martinus de Cocalio, Bartolomeus de Porcellaghis, e Iacobus de Saiano giudici, e da Iacobus de Cocalio e Antonius de Manerva sindaci del comune, i quali, esaminati i documenti della compravendita di beni "de Urado ultra flumen Olei versus Brixiam", della donazione "inter vivos" dei beni "de Oriano", di Motella, Castelletto, Padernello e Quinzano, e dei privilegi ivi e in Pedergnaga, delle acquisizioni dei dazi sulle carni, il vino e il pane negli stessi luoghi, nonché i privilegi concessi da Pandolfo Malatesta, li confermano nei loro privilegi. Seguono ulteriori richiami alla documentazione dei diritti della famiglia

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Titolo e contributi: Il Consiglio Generale di Brescia, udita la petizione di Leonardus, Cesar e Franciscus de Martinengo che reclamavano l'immunità dei loro beni, ordina che i loro privilegi siano esaminati da Nicolaus de Pedrochis, Martinus de Cocalio, Bartolomeus de Porcellaghis, e Iacobus de Saiano giudici, e da Iacobus de Cocalio e Antonius de Manerva sindaci del comune, i quali, esaminati i documenti della compravendita di beni "de Urado ultra flumen Olei versus Brixiam", della donazione "inter vivos" dei beni "de Oriano", di Motella, Castelletto, Padernello e Quinzano, e dei privilegi ivi e in Pedergnaga, delle acquisizioni dei dazi sulle carni, il vino e il pane negli stessi luoghi, nonché i privilegi concessi da Pandolfo Malatesta, li confermano nei loro privilegi. Seguono ulteriori richiami alla documentazione dei diritti della famiglia / Ioannes de Bornado (notaio); Rainerius fq. Boni de Coitiis de Capreolo (notaio); Conradinus de Mezanis (notaio); Ioannes f. Tonini de Rudiano (notaio); Antonius de Scanalupis (notaio); Bartolameus Marchionus de Durantis de Palazolo (notaio); Franciscus d

Pubblicazione: In cancellaria comunis Brixie sita in domibus prefati nostri dominii contrate S. Agate dicte civitatis; Subtus lodiam civitatis Brixie (Brescia), 1434, 6 dicembre; 1434, 7 dicembre; 1441, 4 maggio

Descrizione fisica: Perg. ; 45,5 x 131 cm.

Lingua: Latino (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Note di contenuto:
  • Atto notarile, processo
Nota:
  • Autografo: Orig.
  • Composizione materiale: 1 c.
  • Stato di conservazione: Ottimo
  • Volume, sec. XX
  • Quinzano; S. Paolo; Borgo S. Giacomo, fraz. Padernello; Orzinuovi, fraz. Motella

Sono presenti 1 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
QUERINIANA Pergamene Ms. F.VI.2m5, Perg. 02 HQTEMP-1141865 Su scaffale Consultazione locale
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.