L'incredibile viaggio delle piante
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mancuso, Stefano <biologo>

L'incredibile viaggio delle piante

Abstract: Se le piante potessero parlare forse la prima cosa che ci direbbero è: «Vegetale a chi? Noi non vegetiamo, siamo dotate di tutte le facoltà sensibili e, udite, udite, non siamo immobili, solo che voi non ve ne accorgete». Attraverso il racconto di storie straordinarie, uno scienziato di fama internazionale ci accompagna nel viaggio impercettibile, intelligente che le piante compiono per conquistare il mondo. Sì, perché esse sono la maggior parte di tutto ciò che è vivo sulla Terra, gli animali sono una minoranza risicata e gli uomini delle tracce irrilevanti. Nel 1896 il botanico tedesco Wilhelm Pfeffer realizzò un filmato in time lapse per studiare il comportamento e i movimenti delle piante. Pfeffer mostrò, davanti ai volti sbigottiti dei colleghi, la fioritura di un tulipano e i movimenti esplorativi delle radici nel suolo. Per la prima volta fu possibile vedere quello che sino a quel momento si poteva solo immaginare: a muoversi non sono solo gli animali ma anche le piante. Esse si spostano e si muovono per procurarsi nutrimento, per difendersi, per riprodursi. Non potendosi spostare dal luogo in cui nascono, le piante hanno bisogno di aiuto per ricevere e inviare all’esterno… messaggi, polline o semi. Per questo hanno messo in piedi una specie di sistema postale. Le piante aviatori si affidano all’aria, le naviganti all’acqua, ma più spesso usano come postini gli animali, soprattutto quando si tratta di incarichi molto delicati come la difesa o la riproduzione. La bardana, ad esempio, produce dei semi dotati di uncini che si attaccano in maniera tenace al pelo degli animali. Se avete un cane e lo portate a passeggio in campagna sapete di cosa parlo. I semi delle naviganti possono percorrere migliaia di chilometri e passare anni in acqua prima di approdare in luoghi sicuri dove germinare: sappiamo di noci di cocco entrate nella corrente del Golfo e approdate sulle coste dell’Irlanda, oppure del giacinto d’acqua scappato da un giardino botanico di Giava che ormai abita quasi ogni continente.


Titolo e contributi: L'incredibile viaggio delle piante / Stefano Mancuso ; acquerelli di Grisha Fischer

Pubblicazione: Laterza, 2018

Descrizione fisica: 142 p. : ill. ; 23 cm

EAN: 9788858133323

Data:2018

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Editore) (Illustratore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 581.4 Piante. Adattamento [22]

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: saggi

Sono presenti 19 copie, di cui 15 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
QUERINIANA 583.C.17 HQ-263605 In prestito 12/04/2019
CREMA C 581.4 MAN INC YH-116176 In prestito 31/03/2019
MAZZANO S 581.4 MAN INC EN-43682 In prestito 29/03/2019
PALAZZOLO S-O S 581.4 MAN INC OL-54973 In prestito 10/04/2019
CHIARI 581.4 MAN CH-77157 In prestito 16/04/2019
GAVARDO S 581.4 MAN INC SH-59307 In prestito 15/04/2019
LONATO D-G aS 581.4 MAN INC EM-43405 In catalogazione Non disponibile
MANERBA DEL GARDA S 581.4 MAN INC RA-24870 In prestito 18/04/2019
MUSEO DI SCIENZE NATURALI 581.4 MAN INC HM-73044 In prestito 11/03/2019
RIVOLTA D' ADDA C 581.4 MAN INC YR-60069 In prestito 15/04/2019
CASTEGNATO 581.4 MAN CB-46169 In prestito 15/04/2019
DESENZANO d-G Brunati BOTANICA 581 MAN EJ-55416 In prestito 09/04/2019
MONTIRONE S 581.4 MAN INC EP-31667 Su scaffale Prestito locale
TRAVAGLIATO 581.4 MAN CT-65155 In prestito 09/04/2019
BRANDICO S 581.4 MAN INC BE-8207 In catalogazione Non disponibile
PARCO GALLO Biblioteca dei Semi 581.4 MAN.S INC HG-28762 In prestito 14/03/2019
CONCESIO S 581.4 MAN INC TG-66591 In prestito 04/04/2019
SIRMIONE S 581.4 MAN INC EY-58671 In prestito 11/04/2019
POZZOLENGO S 581.4 MAN INC ET-13576 Su scaffale Novità locale 30gg
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.