L'ombra del diavolo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Canales, Jimena <1973->

L'ombra del diavolo

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: «Cosa c’entrano i demoni con la scienza? In diversi casi scienziati e filosofi hanno fatto ricorso a entità (scherzosamente) demoniache per illustrare i problemi posti dalle loro teorie. Ecco il racconto della storica della scienza Jimena Canales che ha pubblicato un saggio sull’argomento. Dove si fanno correlazioni anche con le tecnologie più innovative».Giuliano Aluffi, «la Repubblica»«L’ombra del diavolo insiste mirabilmente nel registrare la semplice storia della scienza. Ma si dà il caso che la storia della più razionale delle imprese umane si legga a volte come un racconto gotico, pieno di geni malvagi, viaggiatori nel tempo e intelligenze misteriose in agguato negli angoli oscuri della realtà».«The Washington Post»«In questo fantastico libro Jimena Canales mostra come i demoni siano una presenza costante della nostra comprensione scientifica. Il demone di Maxwell, il demone di Cartesio, il demone di Searle: per secoli queste guide preternaturali di pensiero hanno rappresentato le contraddizioni che hanno dato il via a un’innovazione radicale».Peter Galison, Università di HarvardLa scienza è senza dubbio la disciplina che più d’ogni altra ha contribuito a sconfiggere, esorcizzare – ed espungere per sempre – il soprannaturale dalla nostra visione del mondo. Eppure, proprio mentre il mondo infestato da entità soprannaturali veniva emendato dal potere rischiarante della ragione, un nuovo tipo di demone si materializzò con malizia nell’immaginazione degli scienziati, i quali cominciarono a impiegare esseri ipotetici per svolgere determinati ruoli nei loro esperimenti mentali. E questi impavidi, e loro malgrado ignari, assistenti aiutarono gli scienziati di ogni epoca a spingere le conoscenze del reale oltre il limite. Attraversando quattro secoli di scoperte – da René Descartes, il cui genium poteva dirottare la realtà sensoriale, a James Clerk Maxwell, il cui «diavoletto» di dimensioni molecolari ha abilmente infranto la seconda legge della termodinamica, a Darwin, Einstein, Feynman, su fino ai demoni quantistici di Planck e ai diavoli dei computer di Minsky e oltre ancora – Jimena Canales racconta una storia della scienza e dei demoni poco conosciuta, una storia nascosta e oscura dei diavoli che l’hanno segretamente animata. L'autrice rivela come i più grandi pensatori scientifici hanno usato i demoni per esplorare i problemi, testare i limiti del possibile e comprendere meglio la natura. Sono questi servi immaginari al servizio della scienza che hanno aiutato a svelare i segreti dell’entropia, dell’ereditarietà, della relatività, della meccanica quantistica e di altre meraviglie scientifiche, e sono sempre loro che continuano a ispirare le scoperte nei regni dell’informatica, della fisica e dell’intelligenza artificiale di oggi. Magari il mondo non è più infestato dal diavolo come una volta, ma i demoni dell’immaginazione scientifica sono vivi e vegeti, e continuano a giocare un ruolo vitale negli sforzi degli scienziati per esplorare l’ignoto e rendere reale l’impossibile.


Titolo e contributi: L'ombra del diavolo : una storia dei demoni della scienza / Jimena Canales ; traduzione di Gianna Cernuschi e Andrea Migliori

Pubblicazione: Bollati Boringhieri, 2021

Descrizione fisica: 479 p. : ill. ; 22 cm

EAN: 9788833938608

Data:2021

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Editore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 501 Scienze naturali e matematica. Filosofia e teoria [22]

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2021
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: saggi

Sono presenti 1 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
QUERINIANA NU HQ-277679 In catalogazione Non disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.